F.A.Q.

Che cos’è ReadRunner?

ReadRunner rende più facile la lettura a chi ha difficoltà con le parole. Mostra i testi sullo schermo del tuo smartphone (o del tablet) e non legge per te ma ti aiuta a leggere in modo naturale e nuovo. Funziona su computer, tablet e telefonini.

Da dove arriva ReadRunner?

ReadRunner è stato realizzato da
: Maria Gabriella Brodi, laurea e Master in Informatica all’Università di Pis e mamma di Mattia, quindi esperta di complicazioni legate alla dislessia; Eyal Fried, interaction designer, docente all’Università di Bezalel (Israele), laurea in Psicologia e Comunicazione e Master in Information Sciences e Interaction Design Institute (IDII) di Ivrea. Remo Ricchetti, laurea in Ingegneria Meccanica alla Scuola Superiore S.Anna di Pisa, esperto in tecnologie assistive e interaction design.

Il primo prototipo è stato testato nell’Istituto Scolastico Pellegrini di Massarosa su 14 ragazzi (10-14 anni) dislessici sotto il controllo della Clinica Universitaria di Neuroriabilitazione di Pisa.
 I risultati della sperimentazione sono stati pubblicati al congresso Simfer (Torino, settembre 2014) e in un nuovo articolo in corso di pubblicazione.

ReadRunner può aiutare i miei figli? 
 E come?

L’obiettivo principale di ReadRunner è rendere piacevole e coinvolgente le attività di lettura fornendo ai ragazzi uno strumento che:

+ possono usare in ogni momento su un dispositivo personale
+ si adegua alle necessità di ogni singolo lettore
+ incoraggia l’autonomia nella lettura e l’autostima di chi ha difficoltà a leggere
+ permette al lettore di leggere i testi fra una lista personale che può essere gestita anche dal genitore o da un tutor

Sono un insegnante/un terapista.
 ReadRunner può essere utile anche a me? 
 E come?

ReadRunner è costruito in modo da tenere in contatto i ragazzi, la famiglia e chi segue i ragazzi.
 L’insegnante/tutor/terapista ha a disposizione uno strumento con il quale può:

+ arricchire l’esperienza di lettura degli studenti
+ assegnare letture e lezioni specifiche ad ogni singolo studente seguire in classe o da remoto i progressi di ognuno
+ tenere traccia delle attività di ogni studente
+ ridurre il tempo per assegnare i compiti per gli alunni con DSA comunicare con i genitori

Che cosa posso capire meglio 
 dei miei ragazzi usando ReadRunner?

ReadRunner registra le attività del lettore.
 
Per ognuno dei ragazzi che seguo posso:

+ sapere se ha letto quello che gli è stato assegnato quando, quante volte e come l’ha letto
riascoltare le sue letture
tenere memoria degli errori tipici di ognuno
sapere quali sono le sue prestazioni di lettura (velocità, errori commessi, preferenze, etc) ottenere un report con lo storico dei progressi e delle difficoltà

Ma ai ragazzi piace ReadRunner?

Beh, sì.
 L’ambiente di lettura semplice e interattivo e il fatto che si usi un dispositivo portatile personale, diffuso e generalmente desiderato dai ragazzi rende ReadRunner particolarmente gradito come strumento di lettura.
 Ogni volta che l’abbiamo visto usare da lettori fra i 10 e i 14 anni abbiamo ricevuto commenti positivi.
 In una delle sperimentazioni nelle scuole i ragazzi attendevano con impazienza il loro turno, commentavano e facevano richieste particolari (posso sottolineare? posso avere lo sfondo di un altro colore? posso leggere una storia che ho nel computer a casa?).


Gabriella, di 10 anni, l’ha trovato “più bello” del suo esercizio di lettura su tachistoscopio.
 
Andrea, di 12 anni, voleva “mettere dentro una storia che ho scritto io”.

Sono un insegnante/un terapista.
 Se uso ReadRunner devo lavorare di più?

In generale ReadRunner non comporta un aggravio di lavoro anzi, abbiamo misurato che, grazie al sistema di gestione, il tempo dedicato alla revisione e ad assegnare le letture si riduce anche del 60%.
 Ci aspettiamo che con ReadRunner l’insegnante possa concentrarsi meglio su:

+ quanto migliorano i suoi studenti (Individualmente e come classe)
+ quali, quante e dove sono le difficoltà che incontrano quando leggono
+ avere tutte queste informazioni già organizzate in forma grafica
+ gestire e assegnare i testi da leggere

Non sono tanto a mio agio con la tecnologia. ReadRunner è facile da usare?

Non è più complicato di aprire una mail o iscriversi a Facebook. Rendere semplice e veloce l’uso di ReadRunner da parte di ogni tipo di utente è un obiettivo di progetto: il sistema viene continuamente migliorato per ridurre difficoltà e perdite di tempo.
 Ci si registra in pochi secondi sul sito, dove c’è un menu semplice e chiaro per:

+ gestire le letture e le prestazioni dei lettori
+ seguire i loro progressi
+ caricare i testi che si vogliono proporre
+ comunicare con i genitori

E lo posso usare da casa?

Naturalmente! ReadRunner funziona dovunque ci sia una connessione Internet e funziona su qualsiasi dispositivo (computer, tablet o smartphone)
anche se certe funzioni possono apparire lievemente diverse a seconda dello schermo
.

Se ho domande o problemi con ReadRunner
 chi può aiutarmi?

In questa fase di test probabilmente ci saranno cose da sistemare e vi saremo grati se ci vorrete segnalare ogni minimo dubbio o problema.
Non esitate a chiedere consigli, non esistono domande stupide.

Il contatto di riferimento è mail: info@bee3ee.com